crostata
Pasta frolla: croce e delizia di chiunque abbia provato,almeno una volta nella vita, a mettere le mani in pasta per prepararne un panetto. Soffice, burrosa, morbida, fragrante, frolla. Sono queste le caratteristiche che contraddistinguono questa preparazione base di pasticceria e, sono queste le caratteristiche, per cui è amata da tutti.
Fare la pasta frolla, non è affatto difficile come si immagina. Bastano pochissime regole da rispettare e la vostra base per deliziose crostate e subito pronta da gustare! 
  • Regola fondamentale per una pasta frolla perfetta, è lavorare l’impasto molto velocemente e in poco tempo ed è essenziale che le vostre mani siano fredde e non calde. Ciò conferirà la giusta consistenza al risultato finale poiché il burro da incorporare nell’impasto non deve assolutamente riscaldarsi troppo! Se notate che le vostre mani sono troppo calde, bagnatele sotto il getto d‘acqua fredda per abbassarne la temperatura. 
  • Fondamentale è il riposo in frigorifero. La pasta frolla necessita di 30 minuti di riposo per assestarsi perfettamente e per un’ottima prestazione nella fase successiva quando andremo a stenderla. 
  • Lievito si o lievito no? Inizio col dirvi che il lievito nella pasta frolla non ci vuole ma nulla vieta di aggiungerlo se vi piace. La differenza consiste, nel caso non ci sia lievito, in una frolla croccante ma morbida, che frolli appunto! 😀 mentre, nel caso dovesse esserci lievito, il risultato sarà una frolla morbida in bocca, dalla consistenza di una torta quasi, proprio perché lieviterà in cottura e durante il riposo. Nella pasta frolla originale non c’è lievito, ma se a voi piace una consistenza da “torta”, aggiungete 1 cucchiaino raso di lievito istantaneo per dolci durante la lavorazione.
  • La pasta frolla perfetta per crostate, è perfetta per la realizzazioni di dolci di grandi dimensioni e non vi sarà alcun rischio che si spacchi durante la stesura per foderare lo stampo. Il risultato sarà una crostata che si taglierà facilmente, senza il rischio che si spacchi al taglio della fetta.
  • Il sapore? Assolutamente buonissimo e irresistibile! Usate un burro di ottima qualità, freddo di frigo, e il vostro risultato sarà una frolla friabile, che si scioglie in bocca e che non abbandonerete più 🙂
  • Le dosi che vi fornisco, sono perfette per crostate grandi dai 20 ai 26 cm. In questo post, vi fornisco la ricetta per una crostata di frutta fresca davvero buonissima. Infatti, ho tagliato il panetto in due: ho utilizzato una parte per la base , l’altra parte l’ho congelata per poterla riutilizzare quando voglio. Sarà sempre perfetta! 😉 Se invece volete fare la crostata con marmellata, la seconda metà vi servirà per ottenere le classiche strisce da crostata. Potete comunque congelare tutto l’impasto che vi avanzerà 😉
INGREDIENTI

Dosi per uno stampo da crostata dai 20 ai 26 cm di diametro:

  • 300 g di farina 00 + altro per il piano da lavoro
  • 150 g di burro di ottima qualità, freddo
  • 2 tuorli + 1 uovo intero
  • buccia grattata di 1 limone , non trattato
  • 1 pizzico di sale
  • 150 g di zucchero semolato
  • se volete, aggiungete 1 cucchiaino raso di lievito per dolci
Montate leggermente i due tuorli, l’uovo intero e lo zucchero. Dovete ottenere un composto chiaro e spumoso:

crostata

Disponete, su un piano da lavoro pulito, la farina (aggiungete qui il lievito se lo utilizzate), il sale, la buccia grattata del limone e il burro tagliato a cubetti:

crostata

Aggiungete lentamente la montata di uova e zucchero:

crostata

Iniziate ad impastare, assicurandovi di avere le mani fredde. Se così non fosse, bagnatele sotto il getto d’acqua fredda per abbassarne la temperatura. Questa fase è molto importante ed è necessario che lavoriate il panetto molto velocemente, giusto il tempo di incorporare per bene il burro alla farina:

crostata

Una volta ottenuto il panetto, riponetelo in frigo, ricoperto da una pellicola trasparente, per almeno mezz’ora:

crostata

Trascorso il tempo necessario, infarinate il vostro piano da lavoro e stendete il panetto di circa 1 cm con un mattarello (se avete utilizzate il lievito stendetela di circa 3-4 mm). Dividete il panetto a metà se per voi è più semplice. Una parte la userete per foderare la base dello stampo e l’altra parte la utilizzerete per fare le strisce, nel caso vogliate preparare la crostata con marmellata. Nel mio caso, l’altra metà l’ho congelata per riutilizzarla in secondo momento 🙂

crostata

Imburrate e infarinate uno stampo da crostata (il mio è di 20 cm), arrotolate la pasta frolla intorno al mattarello e adagiatela nello stampo, srotolando man mano che la poggiate:

crostata

Eliminate tutte la frolla in eccesso:

crostata

Bucherellate, con i lembi di una forchetta, l’intera superficie della crostata:

crostata

Foderate la frolla con un foglio di carta forno e sistemate dei legumi su tutta la superficie. Questo procedimento si chiama “cottura in bianco” poiché andremo ad aggiungere il ripieno su una base già cotta.
Se invece volete fare la crostata alla marmellata, aggiungete direttamente la marmellata dopo aver steso la frolla nella stampo, ricavate le strisce con la frolla avanzata e adagiatele sul vostro ripieno:

crostata

 COTTURA A SECCO:Infornate in forno già caldo-statico- a 180°. Lasciate cuocere per circa 15 minuti, poi eliminate i legumi e il foglio di carta forno e proseguite la cottura per altri 10 minuti abbassando la temperatura a 170°.Sfornate e lasciate raffreddare completamente prima di farcire.
COTTURA CON RIPIENO: forno caldo-statico- 170° per 30 minuti.
Una volta fredda, ho aggiunto la crema pasticcera e tanta frutta fresca che ho spennellato con un po’ di gelatina per evitare che si annerisca. Ho riposto in frigo fino al momento di servire. 
crostata
Grembiule – Futura Uniform

crostata di frutta fresca

crostata di frutta fresca

crostata di frutta fresca

Avete quanto è semplice ottenere una frolla perfetta per un’ottima crostata, tutta da gustare? 🙂
Spero che il post vi sia d’aiuto 
e provate anche voi a fare una dolce crostata che sbalordirà chiunque! 
Prova le mie ricette e taggami su Instagram inserendo il tag #incucinaconanna
Cerca la tua foto tra i tanti click!
Dolce weekend,
Anna
Facebook Comments

30 comments on “Pasta frolla per crostate: ricetta e consigli per una frolla perfetta!”

  1. Tra torte, dolcetti, pasticcini, ecc.. le crostate sono quelle che più adoro. Mi piace proprio quella frolla che si scioglie in bocca, il sapore di burro che invade il palato e il croccante dei bordi. Questo post oggi mette allegria, coi suoi colori 🙂 Bravissima :*

  2. Bellissima e dettagliata spiegazione!! Io per motivi di intolleranza da anni la faccio sempre all’olio..ma grazie lo stesso.. è bellissima.. e la crostata di frutta finale.. che goduria! baci e buon w.e. :-*

  3. Di tanti dolci, il moi preferito in assoluto è la crostata di frutta fresca! Solo vederla in foto mi strappa un sorriso! E decisamente, io sono della scuola niente lievito nella frolla! Un abbraccio!

  4. Ma che bella!
    Davvero troppo invitante
    Vorrei riproporla ad una cena ma a causa di un’intolleranza al lattosio, pensavo di sostituire alla frolla il burro con la margarina
    E fattibile?

  5. Ciao ?Ascolta un informazione , ho ttt gli ingredienti , ma mi mancano i legumi da aggiungere sulla carta forno, se nn gli metto succede qlks ? Grazie in anticipo ?

  6. Ciao! Ma se volessi usare lo zucchero di canna andrebbe bene lo stesso? Nel caso la quantità rimane la stessa? Grazie!

  7. Ciao,è possibile sostituire il burro con olio? E nel caso, si può mantenere la stessa quantità o bisogna variarla? Grazie.

  8. Ciao! Vorrei fare questa ricetta ma ho solo due uova e una bottiglia di albumi… Secondo te se metto le due uova intere cambia molto la riuscita? O faccio un’ altra combinazione? Grazie!!:)

  9. Ciao! Ho seguito alla lettera le dosi, con la differenza che, invece di farla a mano, ho usato il Bimby, inserendo tutti gli ingredienti nel boccale a velocità 7 per 25 sec. L’impasto, però, non riuscivo a stenderlo con il mattarello…si frantumava eccessivamente. Cosa ho sbagliato?

    • Ciao! non ho mai utilizzato il Bimby e non saprei dirti se la ricetta sia adatta a questo tipo di lavorazione. Ti posso confermare che se provi a farla senza robot, otterrai una frolla elastica e che non si spacca. Immagino che il robot abbia surriscaldato troppo il burro e credo sia dovuto a questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *