Charlotte di pandoro alla marmellata di arance e crema

Alzi la mano chi non ha riposto con tanta cura (e disperazione) un pandoro in credenza!
Io per prima, lo guardavo sconcertata e lo pregavo di non indurmi in tentazione.
Credetemi, la voglia di pucciarlo nel cappuccino, mi ha tormentata per notti intere!
Per tornare ad essere la donna spensierata di sempre e libera da ogni voglia che non avesse quell’inconfondibile sapore di brioche vanigliata, ho dovuto tagliare la testa al toro. E il toro in questione è stato proprio l’ultimo pandoro.
Se anche voi volete sbarazzarvene, come ho fatto io, non vi resta che seguire questa semplicissima ricetta. Ma anche se avete un pan di spagna da consumare, fa lo stesso. La parola d’ordine è: ricicliamo!
La charlotte di pandoro, altro non è che una buonissima torta con base di pandoro e crema pasticcera.

“Charlotte” perche’ per fare questa ricetta, ci si ispira, appunto, al famoso dolce composto da una corona di savoiardi e farcito di crema bavarese. Oggi, noi utilizzeremo il nostro pandoro (o qualsiasi altra torta che vogliate consumare) come da corona e base e una semplicissima crema pasticcera per farcire. Ah, quasi dimenticavo…il tutto aromatizzato da marmellata di arance. Vi tenta, vero? 🙂

Ingredienti

charlotte di pandoro
stampo cerniera di 22 cm
Ricetta ispirata da “Alice cucina” di Dicembre e modificata
1 pandoro
marmellata di arance
Per la crema pasticcera 
versione veloce
500 ml di latte
scorza di 1 limone non trattato
100 gr di farina
130 gr di zucchero
3 tuorli
1 bustina di vanillina
gocce di cioccolato

 

Procedimento

 

Iniziate e preparare la vostra crema pasticcera mettendo in un tegame il latte assieme alla buccia grattata di un limone. Lasciate bollire a fiamma moderata.
Quando sarà pronto, filtrate per eliminare la buccia di limone e mettetelo da parte.
Nel frattempo, in una casseruola, riponete le uova e lo zucchero e lavorate con una frusta a mano.
Quando avrete ottenuto un composto spumoso, aggiungete la farina setacciata e lavorate per qualche secondo fino ad amalgamare bene.
A questo punto, riponete il roux ottenuto sul fuoco a fiamma moderata e aggiungete a filo, mescolando con un cucchiaio di legno, il vostro latte filtrato.
Lasciate cuocere senza fermarvi nel mescolare e quando otterrete una crema densa, spegnete e lasciate raffreddare.
Quando sarà fredda, aggiungete la vanillina e mescolate per incorporarla alla crema.

A questo punto preriscaldate il forno a 200° e dedicatevi alla composizione della vostra Charlotte:

Prendete uno stampo a cerniera di 22 cm e tagliate il pandoro a fette.
Su ogni fetta spalmate della marmellata di arance su entrambi i lati e iniziate a foderare il vostro stampo, sia le pareti che il fondo.
Fateli aderire bene le fette di pandoro tra di loro, aiutandovi anche con le mani.
Quando avrete ottenuto la vostra base, aggiungete la crema pasticcera, livellate bene e aggiungete le gocce di cioccolato in superficie della crema.
Chiudete la vostra Charlotte con altre fette di pandoro, spennellate di marmellata di arance.
Riponete in forno e lasciate cuocere per 15 minuti.
Sfornate e lasciate raffreddare. Togliete la cerniera del vostro stampo e servite.

Questa Charlotte è entrata a far parte della mia lista dei dolci preferiti.
E’ un modo carino, semplice e veloce per riciclare un pandoro o anche un pan di spagna avanzato o di quelli comprati.
Il risultato è una bontà incredibile data dall’unione della sofficità del pandoro con la crema pasticcera e la marmellata di arance. Anche le gocce di cioccolato, che non si sciolgono durante la cottura, donano quel tocco in più che non guasta mai 🙂

 

Spero che il dolce vi sia piaciuto
e se lo fate taggatemi su Instagram inserendo l’hashtag #incucinaconanna
Al prossimo post
Anna
Facebook Comments
More from anna on the clouds

Cookies light con zucca e doppio cioccolato

Dopo-cena, a casa mia: fratello e cognata annoiati intenti a bazzicare su...
Read More

13 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.