Zeppole di San Giuseppe al forno: trucchi e ricetta originale napoletana

Le zeppole di San Giuseppe al forno sono una vera delizia da preparare in occasione della festa del papà. Di seguito la ricetta perfetta per zeppole di san Giuseppe buonissime.

zeppola1

Non è San Giuseppe senza zeppola. Non è festa del papà, senza zeppola. Si preparano ormai in tutta Italia per festeggiare questa ricorrenza e, a Napoli, sono simbolo di cultura e tradizione. E’ un appuntamento fisso con la dolcezza e si sa, ai dolci appuntamenti non si può mancar di certo. La scelta è tra due opzioni: fritta o al forno. Ma poco importa. Ciò che conta è “mangiare la zeppola”! Quest’anno ho voluto festeggiare il mio papà con un vassoio di zeppole preparate da me secondo l’antica, e collaudata, ricetta di Sal De Riso. Noi le preferiamo al forno, ma solo perche’ vogliamo tenerci sul leggero 😀
 Avete il dubbio che siano difficili da fare? Vi sbagliate! Basta avere qualche piccola attenzione e potrete portare in tavola delle zeppole di san Giuseppe buonissime, profumate e fragranti, degne di pasticceria. E perche’ no, finalmente potrete gustarle sempre, come dolce della Domenica e non più solo a San Giuseppe.
Print Recipe
Zeppole di San Giuseppe al forno
La ricetta napoletana per zeppole di San Giuseppe al forno perfette!
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 35 minuti
Porzioni
zeppole
Ingredienti
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 35 minuti
Porzioni
zeppole
Ingredienti
Istruzioni
  1. Ponete in un pentolino capiente l’acqua, il sale e il burro e mescolate finché il burro non si vi sarà completamente sciolto.
  2. Portate a bollore lasciando ricoprire la superficie dell’acqua da tante bollicine e solo a questo punto versate a pioggia la farina , tutta in un colpo. Questo passaggio è molto importante perché è qui che si determina la riuscita della pasta per le zeppole. Mescolate energicamente con un cucchiaio di legno. Spostate dal fuoco e continuando a lavorare, incorporate bene la farina fino ad ottenere un impasto gommoso. Riportate sul fuoco e continuate a lavorare ancora per qualche secondo, fin a quando non sentirete il fondo della vostro tegame sfregare.
  3. Trasferite il vostro impasto in una ciotola, o un piano da lavoro pulito, e lasciate raffreddare. Allargate il composto per farlo raffreddare bene.
  4. Quando la temperatura del composto si sarà notevolmente abbassata, aggiungete le uova, UNO ALLA VOLTA. Aiutatevi ad incorporare le uova usando un cucchiaio di legno o una spatola. Se avete la planetaria vi consiglio di procedere in questa operazione montando la frusta a foglia. Aggiungetene un altro solo quando quello precedente si è completamente assorbito. La consistenza dell’impasto deve essere liscia e omogenea. Se usate uova medie, utilizzate 6 uova come da ricetta. Se usate uova grandi, fermatevi a 5 uova e valutate di aggiungere il 6 un po' alla volta,fino a quando l'impasto sarà sodo e non duro. Se le vostra uova sono piccole, usate 7 uova.
  5. La consistenza finale deve essere come una sorta di crema pasticciera soda e che mantenga la forma.
  6. Trasferite adesso il tutto in una sac à poche con beccuccio a fiore e, direttamente su una teglia rivestita da carta forno, formate un cerchio. Fate prima un giro e poi un secondo giro, senza fermarvi, stringendovi un po’ verso l’interno. Fate attenzione a lasciare un foro al centro e non chiudete completamente.
  7. Infornate a 200°, forno già caldo, per 10 minuti. Abbassate la temperatura del forno a 180°, senza APRIRE LO SPORTELLO DEL FORNO, proseguite la cottura per altri 25 minuti. Dopodiché, aprite leggermente e inserite un cucchiaio di legno tra la porta del forno e il forno stesso, così da creare una fessura dove far uscire il vapore. Proseguite in questo modo per 5 minuti.
  8. Sfornate,lasciate raffreddare per un'oretta e farcite con la crema pasticcera partendo dal foro centrale fino ai bordi esterni. Decorate con amarene sciroppate e zucchero a velo.
Condividi questa Ricetta
  • Se usate uova medie, utilizzate 6 uova come da ricetta. Se usate uova grandi, fermatevi a 5 uova e valutate di aggiungere il 6 un po’ alla volta,fino a quando l’impasto sarà sodo e non duro. Se le vostra uova sono piccole, usate 7 uova.
 Nel frattempo che le vostre zeppole si raffreddano, preparate la crema pasticcera. Fate raffreddare la crema e riponete in frigo per 1 ora. Quando le vostre zeppole saranno completamente fredde farcite  con la crema pasticcera che riporrete in una sac a poche munita di beccuccio a stella , formando dei cerchi come per l’impasto. Spolverizzate con zucchero a velo e decorate con amarene sciroppate. Potete scegliere di farcire le zeppole di san Giuseppe anche all’intero dividendo a metà la vostra zeppola e farcirla con un disco di crema, richiudete e aggiungete altra crema anche nel foro al centro e concludete con un giro di crema.

zeppola5

zeppola7

Al mio papà. Il mio pilastro, la mia forza,
il mio supporto, la mia guida, il mio IO, il mio cuore. Il mio tutto. 
Buona festa del papà!

zeppola8

Spero che il post vi sia piaciuto, 
se lo fate taggatemi su Instagram inserendo il tag 
#incucinaconanna
Farete parte della raccolta Rifatte by you, quì, sul blog 🙂
Al prossimo post
Anna

muffin1

Facebook Comments
More from anna on the clouds

Il mio diario di viaggio tra Salerno e Amalfi,con InsolitaItalia

Chi mi segue sul mio profilo Instagram, mi avrà seguito durante un...
Read More

35 Comments

  • Dopodomani è la festa del papà…o mamma tutto corre troppo rapido, fortuna che c’è chi con dolcezze simili ci funge da delizioso promemoria. In effetti dobbiamo confessare che non abbiamo mai fatto le zeppole, ci incutevano un po’ di timore. Le tue sembrano, e sicuramente saranno, sublimi…con quell’azzurro sotto poi danno anche quel senso di fresca primavera che in questi giorni manca!!Fortunello il papà!! BAciiii

    • Buondì pancettine! parlavate che la festa del papà stava per arrivare e ora…eccola quà! 🙂 Le zeppole sono d’obbligo in casa mia…il mio papà si chiama Giuseppe. Vuoi non farle? 🙂
      Un bacio!!

  • E’ successo qualcosa al tuo blog… Grafica, font e quant’altro?! Bello, pulito, mi piace.
    A proposito di “mi piace”… Ma queste zeppole?
    La prima parola che mi viene in mente è: PROFESSIONAL (no, la pronuncia è inglese non napoletana 😀 )

    • Si Lu! sta cambiando e dal tuo commento di 2 giorni fa, ad oggi, è cambiato ancora di più! 🙂 non mi spaventano più i cambiamenti…anzi ben vengano 😉 e si…le zeppole sono venuto molto PROFESSIONAL… 😀
      un bacio!!

  • le zeppole le conosco molto bene mangiate anche a Napoli visto che mio marito è figlio di napoletano doc anche se il resto della famiglia per ragioni di lavoro si è trasferita a Roma. Molto buoneeee ma ora devo passare. Buona giornata un bacione

    • Hai il marito napoletano e sai bene quanto siano un culto le zeppole a San Giuseppe 🙂 in famiglia le adoriamo! ti auguro una splendida giornata! Baciii

  • Ciao dolcissima Anna Rita! Ero già passata per ammirare le tue favolose zeppole, ma volevo lasciarti un mio saluto (il mio cellulare non me lo ha permesso). Adoro questi dolci napoletani…fragranti e ricchi di crema ma ho sempre pensato che fosse difficile riprodurli in casa. Proverò la tua ricetta leggera e deliziosa!! Un abbraccio forte cara e complimenti per la tua bravura! Mary

    • Mary sono facili e anche veloci! basta avere qualche piccola attenzione e il risultato è perfetto e come da pasticceria 🙂 Sei sempre dolcissima <3 un bacio e grazie!

  • Al forno, mi piace!!!!!!
    Mia dolce Anna, tu irradi dolcezza in tutti i modi e tuffarsi tra le tue braccia è un desiderio fortissimo.
    Brava gioia mia, sei stata bravissima ^_^

  • Lo so che si preparano per la festa del papà, ma secondo me stanno bene sulla tavola per qualsiasi occasione!!! Bellissieme le tue

  • Dopo il babà ed i profitterols le zeppole sono davvero il pole position tra i miei dolci preferite e tu cara Anna hai fatto delle zeppole da urloooooo!!Bacioni,Imma

  • Eccola la nuova casetta, coi i tuoi occhioni espressivi, il rosa tenue, le nuvolette, l’alone di sogno che ti accompagna… ci faremo belle chiacchierate serene, qui! 🙂
    Anche le zeppole mi fanno pensare a nuvole, sai? Mio padre è nato il 19 marzo e festeggia in un colpo solo anche onomastico e festa del papà… quindi questo dolce per me è speciale ed è un rito mangiarlo proprio quel giorno!

    • Benvenuta nella mia nuova casetta Franci! ti aspettavo e sono felice che ti piaccia <3 ti offro tutte le zeppole che vuoi per festeggiare al meglio il tuo papà. Tantissimi auguri! :*

  • Rispetto alla ricetta di Sal De Riso ho notato che tu metti 50g in più di burro… Come mai? Tra un po’ voglio mettermi all’opera per il mio papà ❤️

    • Ciao Gabriella! Ovviamente, ogni ricetta si può modificare in base ai propri gusti personali e io, ho volutamente aggiungere un po’ di burro in più perche’ così la zeppola resterà più morbida dopo la cottura in forno. Questo tipo di cottura, si differenzia dalla cottura fritta, proprio per il burro in più per renderla meno “secca” 🙂 La crema pasticcera che ho scelto, secondo me è perfetta. Ha una consistenza densa, compatta, quasi budinosa e non cola. Quindi è adatta per questo tipo di dolce. Se le fai, aggiornami. Voglio sapere se ti è piaciuto 🙂
      Un abbraccio,
      Anna

  • La tradizione è sempre la tradizione quindi avanti tutta! A casa mia in realtà per la festa del papà si preparava la torta di riso profumata con scorza di limone 😉
    Ma non posso non ammettere che queste zeppole mi attirano moltissimo sono un tripudio di quanto più buono c’è in questa vita !! 🙂

    a presto
    Laura

    • La torta di riso non l’ho mai mangiata, ahimè! ma devo rimediare al più presto! Già il solo fatto che ci sia il limone, mi ispira un mondo 🙂 vado pazza per gli agrumi! 😉

  • Ciao mi sto facendo il giro per conoscere meglio le bloggalline:)
    io le zeppole le ho mangiate una volta e mi sono piaciuye da morire le tue sono perfette!

    • Grazie Ombretta! e piacere di conoscerti 🙂 anche io devo ancora conoscere tante bloggalline e ogni volta sono felice di “incontrarle” bazzicando in rete 😉
      un abbraccio e w le zeppole! 😀

  • Una volta sola ho provato le zeppole. Le ho provate fritte, e se devo essere sincera non mi sono piaciute moltissimo. ..erano rimaste molto unte! O avrò sbagliato qualcosa io, oppure non ho trovato la ricetta giusta. Se il 19 avrò tempo per zeppolare, sicuramente mi affiderò a te e a queste bellissime foto!!! ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.